23 Novembre 2019
News
percorso: Home > News > News Generiche

Anbi ricorda: non c’è cibo senza acqua. Determinanti le scelte della prossima pac

16-10-2019 16:11 - News Generiche
La lotta alla fame nel mondo non può prescindere dalla disponibilità d’acqua, perché anche le risorse idriche non sono distribuite in modo omogeneo sulla superficie terrestre. Secondo i dati dell’ONU, su una popolazione mondiale di oltre 7 miliardi e mezzo di persone, circa un miliardo non ha accesso all’acqua potabile e circa due miliardi e mezzo non ne dispone a sufficienza per le pratiche igieniche ed alimentari: a ricordarlo, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, è l’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI).

“L’agricoltura fuori suolo dimostra come si possa coltivare senza terra, ma mai senza acqua - evidenzia il Presidente di ANBI, Francesco Vincenzi - Se vogliamo che la terra continui ad essere un luogo ospitale per tutti, occorre agire, prevedendo soluzioni contro le precipitazioni eccessive, ma contestualmente attuando piani per creare e tutelare le riserve idriche, fondamentali per ogni forma di vita.”

Per continuare ad agire sulla produttività, l’agricoltura deve continuare ad evolversi, puntando sullo sviluppo di sistemi che, a partire dall’irrigazione, consentano di ottenere risultati uguali o maggiori, utilizzando la medesima o una minore quantità di risorsa idrica.
Questo può avvenire, solo implementando le tecnologie attualmente disponibili per ridurre le risorse utilizzate ed aumentare le produzioni, continuando a garantire un reddito adeguato alle imprese: investire nell’innovazione e nella ricerca risulta quindi imprescindibile.

L’irrigazione collettiva consente certezze alle filiere produttive, provvede alla ricarica delle falde sotterranee, assicura il mantenimento degli agrosistemi, riduce la subsidenza e l’intrusione salina nelle falde, assicurando il presidio del territorio.
Per questo è importante l’opportunità di riforma della Direttiva Quadro Acque, che costituisce l’occasione per adeguarla anche alle necessità degli Stati mediterranei, dove l’irrigazione è fondamentale per le necessità dell’agricoltura e quindi dell’alimentazione.
E’ lo scopo che si è prefissata ANBI, unitamente alle omologhe realtà di Spagna, Portogallo e Francia, costituendo l’associazione Irrigants d’Europe, punto di riferimento tecnico della Commissione Europea per la complessa normativa, che riguarda, oltre alla Direttiva Acque, temi fondamentali, nella prospettiva alimentare, come il riuso delle acque reflue depurate ed il cosiddetto “global gap”, che affronta la questione della qualità della risorsa idrica

L’Italia è ricca d’acqua, in quanto l’afflusso medio annuo, costituito dalle precipitazioni meteoriche, corrisponde a 1.000 millimetri, superiore alla media europea (circa mm. 650) ed a quella delle terre emerse (mm. 730); il problema è che piove in modo diverso rispetto alle esigenze colturali con la paradossale alternanza di emergenze alluvionali nel periodo autunno/inverno e scarsità di precipitazioni in primavera/estate.

“E’ in un tale scenario - conclude Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI - che riteniamo si debbano fare, nella prossima Politica Agricola Comune, scelte fondamentali per i territori più esposti alle conseguenze dei cambiamenti climatici perché, come cita un nostro affermato slogan, il cibo è irriguo.”



Fonte: Ufficio stampa

Il Consorzio di Bonifica dell'Ufita

www.bonificaufita.it

Associazione Nazionale Consorzi Gestione e Tutela del Territorio e Acque Irrigue

www.anbi.it

Foto gallery

Vi segnaliamo...

[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]